Hannes Tappeiner è uno dei project manager di Pohl Immobilien. Anche lui da qualche settimana lavora in modalità Home Office, intensamente coinvolto nello sviluppo di un progetto. In questa intervista, spiega in che modo le restrizioni dovute alla pandemia Covid-19 influenzano il suo modo di lavorare e quali sono gli aspetti positivi da poter evidenziare.

 

Come si svolge la tua giornata di lavoro tipo in questo momento?

Dunque, mi siedo nel tavolo da pranzo con il mio portatile. All’inizio, io e mia moglie condividevamo lo spazio di lavoro e questo richiedeva molta attenzione nei confronti dell’altro. Soprattutto quando entrambi abbiamo dovuto caricare una grande quantità di dati, la linea internet dava dei problemi. Ci voleva molta pazienza. Ora mia moglie può tornare a lavoro e io uso il “mio ufficio di casa” da solo. Naturalmente funziona meglio internet, soprattutto considerando le numerose videoconferenze e telefonate.

 

A cosa stai lavorando in questo momento?

Da diverse settimane sono impegnato  nello sviluppo di un nuovo progetto immobiliare. Siamo ancora in fase di sviluppo e insieme alla direzione e agli architetti posso ora affrontare tutto questo con la massima concentrazione. Mi rendo conto che in queste condizioni in cui lavoro da solo posso svolgere tutto essendo molto concentrato. Allo stesso tempo, vengono meno molte cose importanti che fanno parte del lavoro quotidiano in ufficio. Manca lo scambio rapido e semplice con i collaboratori. Molte informazioni che normalmente sarebbe facile richiedere in questo caso diventano difficili da reperire. Tutti si concentrano su videoconferenze di gruppo e tutti cercano di prepararsi al meglio da casa propria. Lo stesso vale per gli appuntamenti esterni, in cui tutti i partecipanti potrebbero effettivamente risparmiare molto tempo di viaggio.

 

Quali sono i lati positivi del tuo attuale modo di lavorare?

Soprattutto la possibilità di lavorare in modo digitale. Avevamo già i prerequisiti tecnici per questo prima della pandemia ma non si usavano molto perché sembrava un carico di lavoro aggiuntivo. Adesso tutti ci accorgiamo che funziona molto bene. Con quanta rapidità e facilità possiamo scambiare idee grazie al team Microsoft. E posso ben immaginare che continueremo a utilizzare questa forma di videoconferenza in seguito. I dipendenti delle sedi di Bolzano e di Laces non devono sempre trovarsi nella stessa stanza per essere presenti durante un incontro. Puoi fare tutto online e funziona abbastanza bene.

 

E cos’altro puoi aggiungere?

Siamo diventati tutti più puntuali! Chiunque sia in ritardo di soli 5 minuti in una riunione online crea immediatamente un po’ più di caos rispetto a quando ci si trova in una riunione dal vivo. E poiché i cantieri sono ovviamente ancora fermi, ognuno ha molto più tempo per occuparsi dello sviluppo del progetto.

 

C’è ancora un contatto con il cliente?

Ovviamente in misura molto limitata, ma ovviamente certi contatti rimangono e i documenti devono essere preparati e scambiati. I nostri clienti stranieri, in particolare, continuano a contattarci di persona e chiedono come stanno andando le cose. Si nota come un problema che riguarda tutti, come questa pandemia, generi comprensione e solidarietà.